Feeds:
Articoli
Commenti

Firenze, 29 novembre 2017 – E’ prevista per domani un’importante visita ispettiva al carcere di Sollicciano. Le delegazioni della Camera Penale di Firenze e del suo Osservatorio Carcere, del Partito Radicale e dell’associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” visiteranno l’istituto penitenziario di Firenze per verificare le attuali condizioni e se, rispetto all’ultima visita avvenuta in agosto, vi siano stati positivi cambiamenti e modifiche strutturali.

Al termine della visita, alle ore 13 di giovedì 30 novembre, è convocata una conferenza stampa di fronte al cancello principale del carcere di Sollicciano, in via Minervini 2r

Parteciperanno: Riccardo Polidoro, responsabile nazionale Osservatorio Carcere delle Camere Penali, Luca Maggiora, responsabile Osservatorio Carcere Camera Penale Firenze, Luca Bisori, presidente Camera Penale Firenze, Rita Bernardini, presidenza Partito Radicale, Massimo Lensi, associazione per l’iniziativa radicale Andrea Tamburi.

I rappresentanti della stampa sono invitati.

simbolo tamburi stenterello copia

Annunci

23737575_10159614955055137_57141214503759871_o

23736354_1969086536679425_7894604899895146666_o

23795032_10159526031725696_4796930900517860510_n

 

Piana Notizie

StampToscana

 

Firenze, 16 novembre 2017 – A seguito della lettera dell’ex presidente della Provincia di Firenze, Michele Gesualdi, ammalato di SLA, diramata da molti organi di informazione tra cui Il Corriere, La Repubblica, Il Fatto, La Nazione, Radio Radicale, Tg1 e Tg3, è nato a Firenze un comitato spontaneo di sostengo alla richiesta di accelerare l’approvazione della legge sul testamento biologico. Il Comitato prende appunto il nome di #fatepresto e ha lanciato un appello al Presidente del Senato e ai capigruppo parlamentari che è stato sottoscritto, ad oggi, da più di cento esponenti del mondo scientifico, politico, culturale e artistico tra cui Pier Luigi Bersani, Rosy Bindi, Roberto Saviano, Beppe Civati, Maria Antonietta Farina Coscioni, Nicola Fratoianni, Roberto Speranza, Tomaso Montanari, Sandra Bonsanti, Marcello Buiatti, Maurizio Pallante, Matteo Galletti, Laura Barile, Luigi Berlinguer e Anna Margherita Miotto.
Da più di sei mesi il disegno di legge sul testamento biologico è impantanato in Parlamento nella Commissione Sanità del Senato. Una legge attesa da decenni e che ha come obiettivo quello di dare dignità alla persona malata. Quello del fine vita, infatti, è una questione soprattutto di rispetto della volontà e di libertà.
* Appello al Presidente del Senato e ai Capi gruppo parlamentari per l’approvazione della legge sul testamento biologico.
Tra i compiti prioritari dello Stato vi è quello di occuparsi dei suoi cittadini con particolare attenzione ai più deboli, attraverso leggi eque e giuste capaci di alleviarne le sofferenze e garantirne la libertà. Il recente appello che Michele Gesualdi, uomo di fede ed ex presidente della Provincia di Firenze, ha inviato ai presidenti della Camera e del Senato, ci ha spinto a scendere in campo per chiedere di accelerare l’approvazione della legge sul testamento biologico, con la dichiarazione anticipata di volontà del malato colpito da patologie degenerative che non hanno speranza di guarigione. La legge sarebbe un atto di comprensione da parte dello Stato nei confronti di una umanità sofferente e tale da garantire a ogni cittadino di poter esprimere la propria autodeterminazione rispetto ai trattamenti sanitari senza prospettiva, ovvero poter rifiutare l’accanimento terapeutico. La rapida approvazione delle legge sul fine vita che sembra essere messa in forse dalla imminente chiusura della legislatura, con il rischio che poi vada dimenticata, sarebbe un atto di rispetto, di civiltà e di salvaguardia della dignità umana che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie che vivono in solitudine il loro dramma. «Non si tratta di favorire l’eutanasia – afferma Michele Gesualdi – ma solo di lasciare libero l’interessato lucido e dotato di volontà e fede, cosciente e consapevole, di essere giunto alla tappa finale, di scegliere di non essere inutilmente torturato e di levare dall’angoscia i suoi familiari che non desiderano sia tradita la volontà del loro caro.
Per adesioni e maggiori informazioni:
Comitato #fatepresto, e-mail: appellofatepresto@gmail.com
Comitato Promotore: Lauro Seriacopi, Serena Pillozzi, Marisa Rosaria Bortolone, Alessia Petraglia, Roberto Di Loreto, Marzenka Matas, Patrizio Mecacci, Massimo Lensi, Paolo Bambagioni, Alessio Biagioli.

Michele-Gesualdi