Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘cannabis terapeutica’

Venerdì, 26 settembre, a partire dalle ore 15.30 presso la sala “Auditorium” del Consiglio Regionale (ingresso da via Cavour, 4) si terrà il convegno “Cannabis terapeutica: una questione di civiltà. A che punto siamo in Toscana?” al quale parteciperanno Valentina Piattelli e Marco Perduca.

All’evento, organizzato dal consigliere Mauro Romanelli (SEL), parteciperanno i consiglieri regionali Monica Sgherri (FdS), Pieraldo Ciucchi (gruppo misto – PSI), Paolo Marini (PD), il Presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze, dott. Antonio Panti, il direttore del reparto di Medicina Integrativa dell’Ospedale di Careggi, dott. Fabio Firenzuoli, la direttrice del Comitato scientifico di FILE, dott.ssa Mariella Orsi, e la fondatrice del Forum Droghe, dott.ssa Grazia Zuffa.

156959_549891748355333_1254959352_n

Read Full Post »

Mentre a livello nazionale è stata abolita la Legge Fini Giovanardi ripristinando la legge precedente, emendata da un referendum che aveva depenalizzato l’uso personale di droghe leggere, la vicenda della canapa medica in Toscana registra un passo indietro.

Firenze, 13/02 –Nel maggio 2012, dopo una lunga concertazione con le associazioni, fu approvata la Legge toscana sulla Cannabis terapeutica. “Una legge liberale, che, come il decreto di Livia Turco, e su richiesta espressa dei pazienti, non faceva elenchi di patologie ammesse all’utilizzo del farmaco, né poneva limiti e paletti alla prescrizione della cannabis terapeutica per qualsiasi indicazione la scienza medica dovesse trovare applicazione” affermò Valentina Piattelli, presidente dell’Associazione radicale fiorentina “Andrea Tamburi”.
Qualche giorno fa è stato reso noto il regolamento attuativo che dovrebbe rendere finalmente utilizzabile questa legge, ma che “finisce per restringere l’applicazione della legge a due soli sintomi di due sole patologie, spasmi nella sclerosi multipla e dolore oncologico.”
Prosegue Valentina Piattelli: “Ora che l’utilizzo della canapa è depenalizzato per tutti, non si capisce per quali remore proibizioniste l’utilizzo da parte dei malati, con prescrizione medica, debba essere ristretto più di quanto facesse la legislazione nazionale in materia di cannabis terapeutica. Un regolamento che vada contro la legge che dovrebbe far applicare non si era ancora mai visto e penso che non sarà facilmente accettato dai consiglierei che tale legge l’hanno presentata, sostenuta e votata.”
Mentre l’associazione radicale fiorentina sta già pensando di impugnare questo regolamento, a livello nazionale la segretaria di Radicali Italiani, Rita Bernardini, ha ceduto ai malati di sclerosi multipla la cannabis piantate pubblicamente durante una conferenza stampa in Parlamento quando era Deputata, senza per questo ottenere di essere arrestata, né incriminata, nonostante la pubblica disobbedienza civile e l’autodenuncia alla Procura della Repubblica di Foggia.

156959_549891748355333_1254959352_n

Read Full Post »

Firenze, 23/12: In merito all’approvazione del regolamento attuativo sulla legge toscana sulla cannabis terapeutica, è intervenuta Valentina Piattelli, presidente dell’associazione radicale “Andrea Tamburi” e una delle promotrici di questa legge: <<A più di un anno e mezzo dall’approvazione della Legge sulla Cannabis terapeutica, è stato approvato il Regolamento attuativo, che renderà la legge finalmente operativa>>. L’esponente radicale, però, prosegue esponendo già alcuni dubbi sullo scarso numero di beneficiari: <<Adesso staremo a vedere come questo regolamento sarà applicato e se ne beneficeranno davvero tutti i pazienti che ne hanno bisogno. Tante infatti sono ancora le resistenze verso questa sostanza che è stata vietata  e ostracizzata nel nostro paese da quasi un secolo>>. Infine Piattelli conclude ricordando la battaglia di Cinquini e la marcia organizzata dai radicali per il giorno di Natale: <<Questa vicenda comunque rende ancora più assurda la persecuzione legale di chi, come il Dr Fabrizio Cinquini, ha finora cercato di sfruttare gli effetti terapeutici di questa pianta per curarsi. E’ anche per casi come questo e  le migliaia di persone arrestate anche solo per l’utilizzo di uno spinello  che marceremo a Roma il giorno di Natale per chiedere amnistia, giustizia e libertà >>.

156959_549891748355333_1254959352_n

Read Full Post »

Firenze, 20/12: <<La vicenda del Dr. Cinquini rende evidente come anche nella Regione che per prima si è dotata di una legge per regolamentare e facilitare l’utilizzo della cannabis terapeutica, quei pazienti e medici che cerchino di farne uso rischiano di incorrere nelle pene draconiane previste dal nostro ordinamento, anche quando, come in questo caso, svolgano una disobbedienza civile, autodenunciandosi per la coltivazione e il consumo di cannabis a fini terapeutici e di ricerca>>. Questo ha dichiarato la Presidente dell’ associazione radicale “Andrea Tamburi”, Valentina Piattelli, dopo la notizia della condanna di 6 anni al medico che usava la cannabis per fini terapeutici. L’esponente radicale continua esortando le Istituzioni locali a rendere effettiva la legge sulla cannabis terapeutica: << Se la Regione vuole davvero incidere positivamente nella vicenda, deve dotarsi al più presto del regolamento attuativo della Legge approvata ormai da più di un anno, e deve essere un regolamento liberale e non restrittivo, liberale almeno quanto lo è stata la legge regionale approvata nel maggio del 2012>>. In merito è intervenuto anche Maurizio Buzzegoli, segretario dell’ associazione radicale: << La marcia per l’amnistia a Roma del prossimo Natale tende proprio a ristabilire nella quotidianità dei cittadini la certezza del diritto: la vicenda del Dottor Cinquini è sintomatica di questa urgenza>>.

156959_549891748355333_1254959352_n

Read Full Post »

COMUNICATO STAMPA DI ALBERTO SCIOLARI (PAZIENTI IMPAZIENTI CANNABIS), VALENTINA PIATTELLI (ASSOCIAZIONE PER L’INIZIATIVA RADICALE ANDREA TAMBURI), GIAMPAOLO GRASSI (ASSOCIAZIONE CANNABIS TERAPEUTICA)

Ad un anno dall’approvazione della Legge toscana sulla Cannabis Terapeutica (2 maggio 2012) ancora non è stato approvato il Regolamento Attuativo che la renderebbe realmente funzionante. La Legge, che doveva facilitare l’iter faragginoso che medici e pazienti devono seguire per poter ottenere cure a base di cannabinoidi, resta quindi un mero auspicio, senza alcuna applicazione reale per i pazienti.

Gli obiettivi della legge (la cui versione definitivamente approvata è il frutto di lunghe mediazioni in commissione sanità con il contributo delle associazioni act, alc, pic, lila e Tamburi) erano due: 1 fare chiarezza sulle procedure amministrative nelle farmacie delle Asl e negli ospedali, e 2 inviare un segnale ufficiale, chiaro ed autorevole ai medici toscani: che questi farmaci e preparazioni magistrali derivati dalla cannabis potevano effettivamente essere prescritti ed utilizzati in scienza e coscienza secondo le modalità già vigenti da anni a livello nazionale, per una molteplicità di applicazioni terapeutiche il cui numero è in continuo aumento man mano che vengono pubblicati ad un ritmo sempre crescente nuovi studi scientifici.

A tutt’oggi tra gli operatori sanitari c’è chi pretende che l’utilizzo questi farmaci sia limitato da una qualche legge alla terapia del dolore, chi invece sostiene che sono solo per il trattamento palliativo della sclerosi multipla o del tumore, col risultato che anche per queste limitate e scontate indicazioni, nella quasi totalità dei casi il paziente continua a scontrarsi con invalicabili muri di gomma, quando si rivolge al proprio medico o ospedale. L’ostacolo è da anni innanzi tutto culturale, per una sostanza la cui validità terapeutica è stata scrupolosamente negata nel nostro Paese fino almeno al 2007, ed il cui solo nome evoca timori e reticenze che non si riscontrano neanche per le sostanze più pericolose e tossiche oggi prescritte, né quando si utilizzano farmaci in grado di causare, oltre ai danni collaterali per la salute, gravi e rischiose dipendenze.
L’impulso dei consiglieri regionali toscani era nato dalla constatazione di prima mano che neppure la loro stimata collega Laura Ballini, nei mesi prima di morire era riuscita ad accedere legalmente a quei farmaci pur teoricamente disponibili, nonostante avesse potuto sperimentare personalmente l’efficacia della cannabis per il miglioramento delle sue condizioni, esperienza di cui ha lasciato toccanti testimonianze scritte che hanno segnato l’inizio del dibattito e della presa di coscienza da parte della Regione Toscana.

Questo è il motivo per cui è stato ritenuto necessario ribadire nero su bianco tramite una legge regionale ciò che dovrebbe già da tempo essere pratica medica corrente, se la questione non fosse stata fino ad oggi gestita come terreno di scontro tra schieramenti politici o come argomento di esclusiva competenza del Dipartimento Politiche Antidroga.

Mentre altrove in Paesi europei ed americani si discute di legalizzazione della cannabis, in Toscana attendiamo ancora che i malati ed i loro medici possano finalmente accedere ai farmaci derivati.

Alberto Sciolari, Pazienti Impazienti Cannabis (PIC)

Valentina Piattelli, presidente dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”

Giampaolo Grassi, membro del Comitato Scientifico dell’Associazione Cannabis Terapeutica

156959_549891748355333_1254959352_n

Read Full Post »

Dichiarazione di Valentina Piattelli, presidente dell’associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”:

Le associazioni che hanno partecipato alle fasi iniziali di stesura della Legge sulla Cannabis terapeutica chiedono di non essere escluse dalla  stesura del regolamento attuativo. Dopo la risposta dell’Assessore Marroni all’interrogazione del Consigliere regionale Brogi ed altri, è diventato chiaro che il regolamento attuativo in corso di elaborazione, che non abbiamo ancora avuto modo di leggere nella forma attuale, e che è un passaggio fondamentale per poter applicare la legge, sarà sottoposto all’ulteriore vaglio di uno o più organismi regionali, i quali potranno proporre modifiche e dare indicazioni. C’è il rischio concreto che una legge aperta come quella toscana, che prevede la possibilità di prescrivere cannabinoidi da parte di qualsiasi medico, senza  vincoli a patologie specifiche, in scienza e coscienza, sia blindata restringendone l’applicazione solo ad alcuni specialisti e ad alcune patologie più “famose”, mentre il campo di applicazione della cannabis terapeutica è vasto ed in continuo allargamento man mano che la ricerca medica va avanti, con nuovi studi che vengono pubblicati ad un ritmo sempre crescente.
Altro rischio è che specialità medicinali derivate da una pianta, siano trattate quasi alla stregua di una molecola sperimentale, e cioè che finiscano per essere permessi solo farmaci “griffati” prodotti da case farmaceutiche e per le sole indicazioni riportate sul bugiardino, a farne le spese sarebbero la gran parte dei malati e la possibilità di utilizzo di  preparati galenici, fra l’altro molto meno cari. Le associazioni denunciano che dopo una buon partenza anche di questa fase fondamentale per l’attuamento della Legge sulla Cannabis terapeutica – il regolamento attuativo – siamo dinanzi ad un momento di inquietante stallo, in cui una misteriosa bozza di regolamento è al vaglio di commissioni ed organismi che non possono tener di conto del parere dei malati e dei medici esperti in terapia con cannabinoidi, neppure tenerli al corrente dello stato della discussione, senza una precisa indicazione politica. Per evitare di  essere coinvolti solo alla fine con ulteriore rallentamento dell’iter del procedimento o di dover protestare poi dopo, a cose fatte, le nostre associazioni chiedono che, continuando nel percorso collaborativo sin qui
perseguito, il loro parere sia ascoltato anche in questa fase finale, fondamentale per la migliore riuscita di quella che sarà la prima legge  regionale sulla Cannabis terapeutica ad essere realmente applicata in Italia.

Oltre all’associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”, aderiranno all’iniziativa:

LILA (Lega Italiana Lotta all’Aids) Toscana
A.C.T. (Associazione Cannabis Terapeutica)
Associazione Luca Coscioni
PIC (Pazienti Impazienti Cannabis)

299330_530122300332278_1385537670_n299330_530122300332278_1385537670_n

Read Full Post »

Firenze, 30/11: Sabato mattina dalle ore 10.30 l’Associazione Radicale Andrea Tamburi terrà un presidio davanti al Consiglio regionale della Toscana per chiedere che a sei mesi dall’approvazione della legge sulla cannabis terapeutica venga finalmente adottato il decreto attuativo. Il Senatore Radicale Marco Perduca e Maurizio Buzzegoli (segretario dell’ Associazione “A.Tamburi”), che saranno entrambi presenti alla manifestazione, dichiarano: “finito la spauracchio delle primarie, che hanno cancellato ogni tema che potesse creare divisioni, ma paradossalmente aprire un dibattito politico nel cosiddetto centrosinistra, ci auguriamo che la Toscana possa mantenere gli impegni assunti a maggio scorso e dia seguito concreto alle promesse fatte in particolare a migliaia di malati che potrebbero trarre gran giovamento dalla cannabis terapeutica”. Perduca e Buzzegoli invitano la Regione a coinvolgere le associazioni di malati per la stesura del provvedimento perché “sulla loro esperienza, ma meglio sarebbe chiamarla ‘calvario’ si potra’ adottare un testo utile ed efficace”.

rf

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »