Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘enrico rossi’

Firenze, 01/10: Questa mattina si è svolta davanti al Consiglio regionale della Toscana la manifestazione organizzata dai radicali fiorentini dell’Associazione “Andrea Tamburi” per chiedere al governatore della Regione Enrico Rossi di prendere in mano la situazione e affrontare i problemi delle carceri toscane direttamente con i sindaci e i direttori delle Asl interessate. I recenti suicidi avvenuti negli istituti di Lucca, Sollicciano e Grosseto riportano alla luce la situazione preoccupante negli istituti penitenziari della Toscana, dove i casi di autolesionismo e i tentati suicidi raggiungono le cifre più alte registrate in Italia. Sappiamo infatti che assicurare la salute in carcere significa assicurare il benessere fisico e psichico, ma così purtroppo non accade: il 32% della popolazione carceraria soffre di disturbi psichiatrici, il 27-30% è tossicodipendente.
Dichiarazione di Massimo Lensi e Maurizio Buzzegoli: “noi crediamo che le parole del governatore toscano Enrico Rossi siano un segnale importante che, con la manifestazione intendiamo sostenere. Auspichiamo che la risposta dei Comuni e delle ASL  sia veloce e si possa fare un piccolo passo in avanti per migliorare le condizioni di vita all’interno delle carceri toscane. Crediamo anche che questo sia solo il primo passo in una lunga strada che porti finalmente le Isitutizioni a farsi carico con la dovuta responsabilità di un problema, che qualcuno vorrebbe ridurre a fatto umanitario, ma che è invece di tutta evidenza un problema politico, sociale e istituzionale.  In questo senso sarebbe quanto mai auspicabile che il Governatore Rossi e la Regione Toscana  decidessero di far propria questa visione, aderendo alla marcia per l’amnistia dedicata a Marco Pannella e Papa Francesco, è convocata per il prossimo 6 novembre.”
partito_radicale
Annunci

Read Full Post »

Image.ashx

Read Full Post »

Si è svolta questa mattina, di fronte all’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino, una manifestazione dei radicali fiorentini per ricordare gli impegni presi dalla Regione Toscana sul fronte del superamento dell’OPG così come previsto dalla legge 81. Sono trascorsi, infatti, cinque mesi dalla data del 31 marzo, giorno in cui gli OPG dovevano essere chiusi per legge, e nulla ancora è stato fatto. La Regione Toscana è ancora priva di una Rems, la struttura sanitaria per l’esecuzione delle misure di sicurezza, e l’OPG di Montelupo è ancora attivo con circa una settantina di internati. A nulla sono valsi gli sforzi di associazioni, enti e movimenti per aiutare il difficile percorso di superamento degli Ospedali Giudiziari, e la struttura di Montelupo rischia così di rimanere attiva ancora per molti anni, pur senza accettare nuovi ingressi. Solo la settimana prossima dovrebbero partire i lavori a Volterra per una Rems provvisoria per 22 posti letto in attesa di quella definitiva, lavori che hanno già registrato cinque mesi di ritardo prima ancora di iniziare. La Rems provvisoria di Volterra, infatti, avrebbe dovuto essere consegnata a fine agosto, così come riportato nella delibera n.666 della Regione Toscana del 25 maggio.

I Radicali hanno inoltre criticato gli oneri di spesa previsti dalle tre delibere regionali. Solo per la Rems di Volterra sono stati stanziati 10.300.000 euro di spesa (94% provenienti dal Ministero e 6% dalla Regione), mentre altri 5 milioni sono previsti per numerose altre voci, tra cui 300 mila solo per garantire l’accertamento delle “condizioni psichiatriche all’interno della apposita sezione nel reparto detentivo di Sollicciano”. E’ stato calcolato che per ognuno dei circa 40 internati toscani e umbri la spesa per il superamento dell’OPG si aggira sui 386 mila euro.

Dichiarazione di Massimo Lensi e Maurizio Buzzegoli, presidente e segretario dell’Associazione per l’iniziativa radicale Andrea Tamburi.

“La risposta delle istituzioni regionali alle richieste contenute nella legge 81 è stata oltremodo inadeguata e pasticciona. Il rischio che Montelupo rimanga attivo per un lungo periodo di tempo è molto alto, per non parlare delle spese previste che potrebbero, con un adeguato lavoro di ricerca delle opzioni sul territorio, ridursi di molto: è infatti strano che per spostare circa 40 internati si debba prevedere a Volterra un inter così complesso, che prevede addirittura la realizzazione della Rems in due fasi (prima nel Padiglione Morel e poi nel Padiglione Livi dell’area ospedaliera di Volterra). A noi stanno a cuore non solo le sorti degli internati di Montelupo, ma sopratutto il rispetto della legge, in questo caso della legge 81”.

unnamed

Read Full Post »

Domani, sabato 4 luglio, alle ore 17.00 in piazza Duomo a Firenze (davanti Palazzo Sacrati Strozzi, sede della presidenza della Regione Toscana) è convocata una conferenza stampa nell’ambito della manifestazione “Independence Day…dal proibizionismo!” organizzata dai radicali fiorentini dell’Associazione “Andrea Tamburi”.
La manifestazione ha l’obiettivo di chiedere alle Istituzioni regionali che nella legge regionale che disciplina l’utilizzo della cannabis a scopo terapeutico venga inserita anche la possibilità dell’autocoltivazione.
Saranno presenti Rita Bernardini (segretaria di Radicali Italiani), Valentina Piattelli (ex presidente dell’Associazione “Andrea Tamburi”), Massimo Lensi (presidente dell’Associazione “Andrea Tamburi”) e Maurizio Buzzegoli (segretario dell’Associazione “Andrea Tamburi”).
Rita Bernardini, autrice di molte iniziative di disobbedienza civile sulla cannabis, dimostrerà ai presenti come si inizia nel concreto una mini-coltivazione di cannabis terapeutica nell’attesa che il diritto ad accedere alle cure sia effettivamente garantito ai malati.
11193395_10153317626107938_7397463340582173940_n

Read Full Post »

A questo link, l’audio della conferenza stampa che Massimo Lensi e Maurizio Buzzegoli (presidente e segretario dell’associazione “Tamburi”) hanno tenuto a margine del presidio che i radicali fiorentini hanno tenuto ieri, sabato 27 giugno, davanti alla sede del Consiglio regionale della Toscana, per chiedere, nel rispetto della legge 81, tempi certi sul superamento dell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino.

Inoltre, a questo link, l’articolo di Gonews sull’iniziativa e, in basso, un articolo apparso oggi sul “Tirreno” (edizione Empoli-Pontedera)

20150628_120154

Read Full Post »

Già dal 31 marzo 2015, gli OPG (Ospedali psichiatrici giudiziari) avrebbero dovuto, per legge, essere chiusi. Nonostante il Governo non abbia varato una nuova proroga, ad oggi la situazione effettiva risulta immutata: la Regione Toscana, nel corso degli ultimi mesi, non è riuscita ad approfittare di quella rete di servizi del territorio (tra cui le REMS ma non solo) destinate ad ospitare gli internati.
In piena campagna elettorale il Presidente della Regione, Enrico Rossi, dichiarò che le varie strutture alternative all’OPG sarebbero state pronte entro il mese di luglio: ad oggi sono ancora 90 i detenuti internati nella Villa Ambrogiana di Montelupo.
Per scongiurare l’ipotesi di un perenne protrarsi del trasferimento dei detenuti internati, chiediamo tempi certi sulla costruzione o ristrutturazione delle strutture alternative destinate a soppiantare gli OPG.
Per questo, sabato 27 giugno dalle ore 11.00, si terrà in via Cavour a Firenze (davanti la sede del Consiglio regionale toscano) un presidio per chiedere tempi certi sulla questione dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino, tutt’ora in funzione nonostante la scadenza che imponeva la sua chiusura sia ampiamente superata.
10960341_10205726626066459_3104243006146061066_o

Read Full Post »

Dichiarazione di Valentina Piattelli, già presidente dell’Associazione per l’iniziativa radicale fiorentina “Andrea Tamburi”, sulle dichiarazioni di Enrico Rossi sulla cannabis terapeutica.

 
Firenze, 12/03. <>.
156959_549891748355333_1254959352_n

Read Full Post »

Older Posts »