Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘maurizio morganti’

Read Full Post »

Cliccate qui sotto per scaricare il documento dell’Associazione per l’iniziativa radicale “ANDREA TAMBURI” a sostegno del SÌ al referendum del prossimo 17 aprile:

perche SÌ al No TRIV – associazione TAMBURI

 

testata-magenta-sri.jpg

Read Full Post »

marco corfior011

Read Full Post »

Firenze, 08/03/2016: Si sono conclusi sabato scorso a Firenze i lavori del XVI Congresso dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”. Il Congresso ha approvato all’unanimità (con un astenuto) una mozione generale con la quale si delinea l’impegno dei radicali fiorentini per i prossimi 12 mesi:

1) incentivare il percorso per superare definitivamente l’OPG di Montelupo Fiorentino;

2) attivare il processo politico e amministrativo per chiudere il carcere di Sollicciano e procedere alla decarcerizzazione dei detenuti attraverso l’esecuzione penale esterna e le forme alternative alla carcerazione;

3) verificare che la realizzazione della Rems di Volterra non si trasformi in una realizzazione de facto e de iure di un nuovo mini-OPG;

4) realizzare anche a Firenze l’Istituto a custodia attenuata per madri detenute così come previsto dai numerosi documenti siglati dagli enti impegnati nella sua realizzazione;

5) organizzare a Firenze eventi politici per l’avanzamento della campagna politica per la richiesta di codificazione del diritto umano alla conoscenza;

6) organizzare una campagna politica per la distribuzione della cannabis terapeutica in Toscana anche utilizzando gli strumenti della disobbedienza civile e verificando l’applicazione della legge regionale e del suo regolamento esecutivo;

7) verificare la possibilità di partecipare a iniziative, in sede nazionale, per una nuova legge elettorale per l’elezione degli organi della Città Metropolitana e continuare a monitorare l’attività della Città Metropolitana di Firenze;

8) organizzare una assemblea pubblica a Firenze con Marco Pannella all’interno della campagna per la codificazione del diritto umano alla conoscenza;

9) organizzare una campagna politica per denunciare la legge Remaschi invitando i cittadini toscani a difendere i propri territori e difendersi dall’assalto venatorio; a questo proposito invita il Direttorio ad aderire alla campagna #scacciamoli per una riforma in senso liberale della legge nazionale sulla caccia;

Il Congresso, tenutosi presso lo Starhotel “Michelangelo” , ha registrato una buona partecipazione  da parte di iscritti e simpatizzanti radicali toscani.

Ai lavori ha partecipato l’ex deputata radicale Rita Bernardini. Sono intervenuti la direttrice dell’istituto penitenziario di Firenze ‘Mario Gozzini”, Margherita Michelini’, la consigliera della FIAB, Marina Brizzi, e Bernardo Fallani, assessore al Comune di Pelago.
 
La mozione generale approvata prevede l’istituzione di un Direttorio al quale, inizialmente, vi prenderanno parte le cariche dell’Associazione elette negli ultimi cinque anni: Valentina Piattelli, Massimo Lensi, Maurizio Buzzegoli, Emanuele Baciocchi, Maurizio Morganti, Massimiliano Fontani.
12814686_10208378891260704_5953225594525548849_n

Read Full Post »

Compagne e Compagni,

come si dice, battiamo il ferro finché è caldo.

Come presentatori e primi firmatari della mozione generale approvata dal Congresso del 5 marzo ci spetta il gradito compito di convocare la prima riunione post congressuale dell’Associazione e dare il via alle danze.

Eccoci quindi ad invitare tutti noi alla prima riunione che vedrà come primo punto all’OdG, l’insediamento del Direttorio; vi ricordiamo che, nelle modalità previste dalla mozione generale approvata, il Direttorio “è un organismo collegiale, inizialmente composto dalle compagne e dai compagni che hanno ricoperto cariche statutarie dell’Associazione negli ultimi cinque anni, i quali, in occasione della prima riunione di questo organo, ne promuoveranno l’allargamento a compagne e compagni che ne abbiano fatto richiesta e, al contempo, provvederanno, se lo riterranno opportuno, a designare un Coordinatore con compiti tecnico-amministrativi”.

I membri di diritto del Direttorio sono: Emanuele Baciocchi, Maurizio Buzzegoli, Massimo Lensi, Massimiliano Fontani, Valentina Piattelli, e Maurizio Morganti.

A loro e a tutti gli iscritti all’Associazione che ne abbiano intenzione, va il nostro invito ad aderire a questo organo, cui il Congresso ha affidato il “compito di elaborare un progetto politico, da presentare a un congresso straordinario, entro e non oltre il mese di marzo 2017, con cui innovare la politica radicale sul territorio, ipotizzando, quindi, anche una nuova forma associativa che sia idonea per affrontare le difficoltà di attuazione delle battaglie e delle iniziative promosse, in particolare, dal Partito Radicale, e da tutta l’area radicale”, e di promuovere tutte le iniziative atte a realizzare i nove punti elencati nella mozione generale che trovate di seguito a questo messaggio.

La riunione si svolgerà sabato 12 marzo, presso la sede dell’Aduc, in via Cavour 68, a partire dalle ore 15, con il seguente ordine del giorno:

composizione del Direttorio
eventuale elezione del Coordinatore
organizzazione dei lavori e delle iniziative approvate nella mozione generale
referendum No Triv del 17 aprile
varie ed eventuali

A prestissimo quindi 🙂

Grazia Galli, Emanuele Baciocchi, Maurizio Buzzegoli

12697270_10208132148403014_5878495892802769985_o

Read Full Post »

Sabato 28 febbraio 2015, a partire dalle ore 11.00 si terrà il XV Congresso dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”: quest’anno l’evento sarà organizzato a Montelupo F.no presso il circolo  “Il Progresso” (via Virgilio Rovai, 43).
Il circolo si trova a 5 minuti dalla stazione di Montelupo-Capraia (orari del treno da Firenze SMN).
Sono stati invitati a partecipare la Segretaria di Radicali Italiani, Rita Bernardini, e il Presidente del Senato del Partito Radicale, Marco Pannella.
Entro pochi giorni saranno pubblicati sul sito internet dell’Associazione, www.radicalifirenze.com, sia l’ordine dei lavori che il regolamento del Congresso.
1546136_10204176215107154_576790351402673604_n

Read Full Post »

pubblichiamo il resoconto della visita, effettuata il 5 gennaio scorso, al Carcere di Lucca redatto da Maurizio Morganti (presidente dell’associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”)

Nel carcere San Giorgio di Lucca il mondo è alla rovescia e sotto sopra.

Alla rovescia perché mentre attraversi la terza sezione e entri nell’antro di una cella profonda tre passi e larga altrettanto – se si potesse farli liberamente quei passi dopo aver superato le tre persone che stazionano gomito a gomito vicino alla porta ché le brande coi materassi di gomma piuma a vista occupano il 90% del pavimento e rimane libero solo il passaggio verso il cunicolo in fondo al quale c’è il cesso, anticipato dal piccolo tavolo dove chi se lo può permettere tiene il fornellino per il caffè – mentre vedi tutto questo ti rendi conto che il ragazzo dell’est che hai appena incontrato nella cella di isolamento è un privilegiato.

Alla rovescia perché quando l’agente di polizia penitenziaria ti apre la “sala di socializzazione” ti rendi conto che è una spelonca poco più grande di due celle, gremita da una dozzina di sedie e un paio di tavoli sudici dove possono passare le ore diurne, ma non ti sorprende affatto sentire la Comandante che osserva: “Abbiamo riscontrato che molti detenuti preferiscono restare in cella”. Ci credo. E allo stesso tempo provi ammirazione e un po’ t’incazzi quando Fabiola l’educatrice ti spiega le attività “ricreative” che cercano di fare in quel luogo con l’aiuto dei volontari. Come uno che si armi con zelo e disciplina di una tinozza, la rovesci e ci salga sopra per prendere di petto lo tsunami.

Sotto sopra perché nel carcere di Lucca il mondo si vede dal fondo della scala sociale: poveri e più poveri se stranieri – almeno qualche italiano una famiglia fuori ce l’ha – tossicodipendenti quasi tutti, molti con la doppia diagnosi per problemi psichiatrici, malati di epatite C e B, sifilide, malati di carcere.

Sotto sopra perché, a fronte del signore nordafricano alto e ricurvo sulle stampelle, con lo sguardo e la voce bassa che si appoggia alle sbarre e racconta di essere stato detenuto dal 2006 al 2008 durante un processo da cui è uscito pulito e ora è di nuovo dentro e di nuovo in attesa di giudizio o di quell’altro, tossicodipendente come tutti lì dentro di droghe illegali o psicofarmaci “terapeutici”, che lamenta di vomitare per via del metadone dolce e chiede quello in pasticche, risorsa preziosa da smerciare, o di G. che mentre serve il vitto nella seconda sezione ti racconta di essere stato preso per un furto da tre soldi al Penny Market, furto di cui lui ovviamente si dichiara innocente – e fa una qualche differenza che lo sia o meno rispetto al luogo dove è recluso?
A fronte di questi casi fa tenerezza il vecchio ladro in pensione che procura con destrezza di farsi arrestare in questi giorni per passare l’inverno al caldo di questo piccolo inferno invece che nella sua scassata roulotte.

Il 5 gennaio 2015 quando siamo entrati con i compagni Rosa A Marca e Giovanni Rodella, erano 134 i reclusi su una capienza regolamentare comunicata di circa 140 posti. Numeri gonfiati come dimostrano le celle viste, conti truccati dal carcere di San Giorgio, dal Dap, e su su fino al ministero della Giustizia per arrivare a Strasburgo.
E nella seconda sezione incontriamo M. che, accusato di aver truccato i suoi di conti ora è in galera a scontare la pena e la sovrappena. E mi mostra un quaderno dove ha disegnato la piantina della cella con gli ingombri la metratura e annotato una lista di doglianze, proverà a chiedere il “risarcimento” mentre un compagno di cella conclude “sono una presa in giro”.

Conti truccati anche sui braccialetti elettronici. C’è un detenuto in terza sezione – il suo problema, gli direbbe Keith Richards, non è la cocaina ma l’Autorità – il magistrato infatti lo ha riconosciuto idoneo per questa misura alternativa, ma lui è lì in cella perché i “braccialetti sono finiti”. La Comandante allarga le braccia sconsolata.
Sono finiti i braccialetti, come non ci si può radere, come il tunisino aspetta da settimane di fare la telefonata di cui ha diritto, come le lenzuola sono cambiate dopo 3 settimane, questa volta per l’appunto, invece che ogni settimana come di regola, come sono finite le pile dei telecomandi, come è inagibile il campino con i palloni per l’ora d’aria, ma “presto sarà di nuovo disponibile”… La tinozza ondeggia..

E i conti non tornano a Sandro, Andrea, Pietro e Ilir della seconda sezione che hanno creato un “Comitato di impegno civile pro amnistia/indulto e legalità nelle prigioni italiane” di cui potete leggere il bellissimo statuto. Non c’è nulla da aggiungere a parte annotare la data di istituzione. Il giorno prima un ragazzo di 25 anni di origine sinti si era tolto la vita.

I conti non tornano a Isdraele detenuto in seconda sezione. Dice di avere anche la cittadinanza svedese ma l’evasione anagrafica non sembra funzionare. Lui era in una comunità di recupero – è il primo che ne rammenta una e per un carcere praticamente monotematico sulla tossicodipendenza… Dice che l’hanno beccato a fumarsi uno spinello. La Comandante prova a scherzarci su: “Di certo era il primo eh…”. E’ cordiale e fa anche bene a stemperare ma… e se fosse stato il quinto? E anche se non fosse stato uno spinello? Isdraele aderisce al Satyagraha e mi chiede di salutare Pannella, e mentre usciamo me lo ripete due volte… saluti a Pannella.

I conti non tornano nemmeno a Zhupa, studente di diritto a Pisa, appena trasferito da un altro carcere e che pure è recluso nella prima sezione, quella umana, quella in cui le docce sono vere docce tanto per cominciare. Zhupa tiene agli astanti una piccola lectio sulla sentenza Torreggiani prima di lasciarci liberi.

E i conti non tornano nemmeno all’agente di polizia penitenziaria che ci ha accompagnato per tutta la visita aprendo e chiudendo e mettendoci in guardia dalle balle. Sono cronicamente sotto organico e basta una traduzione in tribunale per mettere in crisi la sorveglianza nelle sezioni dove serpeggia la tensione tra gruppi etnici fomentata dalla povertà,  dalla tossicodipendenza e dalla malattia e innescata dalle condizioni di “vita”.

E non tornano allo psicologo/tossicologo a cui chiediamo dei numerosi atti di autolesionismo e tentativi di suicidio (51 in due anni secondo il Sindacato della Polizia penitenziaria) e dell’ultimo riuscito a ottobre. Nell’ultimo periodo, dice, abbiamo avuto troppi casi con doppia diagnosi (tossicodipendenza + patologia psichiatrica) trasferiti in questa struttura. La tinozza…

Nel carcere sovraffollato di Lucca ci sono i poveri, i tossicodipendenti e i malati e sono reclusi contro il dettato della Costituzione. Con buona pace dei senatori Pd Marcucci e Granaiola usciti soddisfatti dalla visita prenatalizia per aver constatato il decremento dai 155 del dicembre 2013 ai 131 del dicembre 2014 (peccato che secondo il sito del Ministero a luglio fossero 118 e oggi appunto siano risaliti a 134) e con buona pace del Garante regionale della Toscana che, ignorando il monito della Statistica trilussiana, a novembre ha fatto titolare tutti i media locali che in “Toscana il sovraffollamento è risolto”.

E il magistrato di sorveglianza che dice delle celle del San Giorgio?

Questi i nomi dei detenuti che hanno aderito subito al satyagraha (non ci hanno consentito l’accesso con i moduli prestampati che abbiamo chiesto vengano fatti girare per la raccolta delle firme nei prossimi giorni)

Zhupa Auzel, studente, Albania
Maurizio Matarazzo, farmacista, Roma
Simone Nardini, Serravezza, Lucca
Wilson Parenti, Camaiore, Lucca
Isdraele Romano Francesco, Lucca
Sandro Franciosi, Caselle Torinese, Torino
Andrea Ruiu, La Spezia
Pietro Bighiani, Milano
Ilir Merko, Elbasan, Albania

comitato-lucca

carcerevisita

Read Full Post »

Older Posts »