Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sciopero della sete’

In occasione della festività del Natale, una delegazione radicale, guidata dal Deputato Matteo Mecacci e composta da Maurizio Buzzegoli (segretario dell’associazione radicale “Andrea Tamburi”) e da Rosa A Marca, eseguirà una visita ispettiva all’interno del carcere di Sollicciano; la visita rientra all’interno della lotta nonviolenta dei Radicali e di Marco Pannella per l’amnistia, la giustizia e la libertà.

Al termine della visita, alle ore 11.30, è prevista una conferenza stampa.

299330_530122300332278_1385537670_n

 

Read Full Post »

Numerosi esponenti politici (fra i quali il Sindaco di Firenze, Renzi e il Presidente della Regione, Rossi) e importanti artisti toscani hanno aderito a una lettera/appello a sostegno dell’iniziativa nonviolenta di Marco Pannella, in sciopero totale della fame e della sete da 9 giorni per l’Amnistia, la Giustizia e la Libertà nel nostro paese. Ecco il testo, e i firmatari:

Firenze, 20 dicembre 2012

Caro Marco,               

“indipendentemente dalle posizioni e dai programmi del Partito Radicale, che si possono condividere o non condividere, i motivi che ti hanno determinato a minacciare prima, e a intraprendere ora un nuovo digiuno, questa volta totale, non possono non essere condivisi.

Le tue richieste sono giuste e legittime, nella loro immediatezza oltre che nel loro contenuto.”

Da dieci giorni seguiamo con seria preoccupazione i bollettini medici sul tuo stato di salute e proprio per questo vogliamo farci carico della lotta per l’amnistia, per la giustizia e per la libertà, per il ripristino della legalità e del rispetto della dignità all’interno delle nostre carceri, per interrompere una violenza che riguarda tutti i cittadini, non solo i detenuti; per ristabilire i principi della Costituzione, depredati nella loro completezza laddove prevedono che le pene non possano consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e ne sancisce la funzione rieducativa; convinti che laddove siano stati violati o ignorati dei diritti, laddove venga meno la legalità, lo stato di diritto, esista anche, e tu lo sai bene, strage di popoli.

Con grande apprensione e la piena solidarietà, da oggi introdurremo nelle nostre priorità istituzionali le necessarie misure affinché si possa limitare e riparare al collasso della giustizia e della sua appendice ultima delle “catacombe” carcerarie, luoghi di sofferenze atroci, di tortura e di morte quotidiana.

Armati di nonviolenza, con i nostri corpi, con il ruolo che ricopriamo, intraprenderemo, a staffetta, uno sciopero della fame, sperando, con forza e caparbietà, che il Parlamento italiano conceda un provvedimento di amnistia e si attivi con atti urgenti per porre rimedio all’emergenza carceraria, al vergognoso sovraffollamento delle nostre strutture penitenziarie, non come soluzione ma come punto di partenza per una riforma strutturale della giustizia, con misure alternative alla carcerazione, in primis per i tossicodipendenti. Quello che chiediamo è un atto forte e un punto di partenza per uscire dalla flagranza di reato del Paese e ristabilirvi la legalità; auspicandoci, inoltre, che il nostro impegno, ti convinca a sospendere l’azione nonviolenta perché all’Italia e agli italiani serve ancora Marco Pannella.

Enzo Brogi, consigliere regionale della Toscana

Enrico Rossi, Presidente Regione Toscana

Matteo Renzi, Sindaco di Firenze,

Marco Taradash, consigliere regionale della Toscana

Pieraldo Ciucchi, consigliere regionale della Toscana

Mauro Romanelli, consigliere regionale della Toscana

Monica Sgherri, consigliere regionale della Toscana

Paolo Marini, consigliere regionale della Toscana

Sergio Staino, artista

Alessandro Benvenuti, artista

Dolcenera, cantante

Erriquez (Bandabardò), cantante

537480_10151171862957727_2077103410_n 537480_10151171862957727_2077103410_n

Read Full Post »

SCIOPERO DELLA FAME E DELLA SETE DI MARCO PANNELLA: INVITIAMO TUTTE LE COMPAGNE E I COMPAGNI A INVIARE AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, GIORGIO NAPOLITANO, UNA MISSIVA AFFINCHE’ INTERVENGA!

Come la maggior parte di voi saprà, Marco Pannella è in sciopero totale della fame e della sete per “ottenere che lo Stato italiano interrompa la flagranza tecnicamente criminale in termini di diritto internazionale e della “ex” Costituzione italiana. Mentre continuano ad arrivare conferme dalla giurisdizione europea, abbiamo fornito lo strumento perchè questo possa accadere formalmente in dieci giorni. Come episodio enorme, storico, dopo 30 anni di tradimento ed illegalità”.
Serve che ognuno di noi, si mobiliti sul web (facebook, twitter, etc.) per far conoscere le ragioni della battaglia nonviolenta di Pannella, che sta ponendo a repentaglio la propria vita nella totale indifferenza delle istituzioni e dei media. Via twitter l’hashtag  #IostoconMarco è stato diffuso poco prima della trasmissione mentre su Facebook i messaggi (nove, di diversa tipologia) inviati dalla pagina Radicali poco prima e poco dopo la diretta della conversazione settimanale.   A fronte di questa straordinaria mobilitazione è necessario ed urgente che in queste ore ci sia il massimo della mobilitazione da parte di ciascuno e di tutti per cercare personalità che dicano sono disponibile ad essere candidato nelle liste Amnistia Giustizia Libertà.
Potete anche inviare una lettera al Presidente Napolitano all’indirizzo presidenza.repubblica@quirinale.it, o via web all’indirizzo https://servizi.quirinale.it/webmail/ , con un testo uguale o simile a questo:
Egregio Presidente,
spero che qualcuno della presidenza possa comunicarle l’urgenza e la situazione estrema con la quale Pannella sta incarnando la drammatica e illegale situazione delle carceri e della giustizia. Un suo intervento con un messaggio alle Camere potrebbe restituire speranza ai cittadini detenuti e consentire quel dibattito pubblico che Pannella con la sua estrema lotta nonviolenta vuole tentare di disseppellire.
Sarebbe vitale per il diritto e non solo.
Egregio Presidente, Lei che è il massimo garante della Costituzione, un testo meraviglioso e completo, prenda coraggio e nell’arco di poche ore cominci a ristabilire la Democrazia in questo Paese.
La ringrazio per l’attenzione e la prego di intervenire come la Costituzione le consente.
– – – – – – – –

Di seguito, proponiamo la lettera che la compagna Laura Arconti ha già inviato a Napolitano:

Presidente Napolitano… Marco era da lei il 18 luglio 2011, ricorda? E (lo vede dalla fotografia) si accalorava mentre le spiegava appassionatamente i motivi che oggi lo costringono a n…

on mangiare e non bere: i diritti dei carcerati che vivono una tortura quotidiana, i diritti dei cittadini italiani ridotti a sudditi privi di democrazia…Presidente Napolitano, lei é nato come me nel giugno 1925. Era un anno in cui gli uomini liberi erano costretti a lasciare la Patria in cerca di diritti e di democrazia, l’anno del “Non mollare!”: noi siamo vecchi, Presidente, dovremmo essere saggi. Mandi questo MESSAGGIO ALLE CAMERE che Marco le chiede: non per sé ma per tutti noi, per la democrazia, per la Repubblica.Eppure l’anno scorso, nel Convegno al Senato, promosso dai Radicali, Lei parlò della situazione per la quale Marco Pannella non beve da sette giorni – CENTOCINQUANTUNO ORE, Signor Presidente – e la definirì «questione di prepotene urgenza». Da allora sono passati 17 mesi… diciassette mesi più questi ultimi sette giorni, in cui la sete di libertà e di giustizia sta prosciugando la vita di un Uomo cui l’Italia deve molto. Un Uomo di cui la Repubblica ha ancora bisogno, Signor Presidente!
E quella del senatore radicale, Marco Perduca:
Onorevole Presidente,
come sa Marco Pannella e’ giunto al sesto giorno di sciopero totale della fame e della sete. Si tratta del rilancio della sua lotta pel rispetto della legalita’ costituzionale, quella stessa legalita’ costituzionale che dovrebbe

esser guida del supremo garante della Costituzioni e dei vertici della Repubblica italiana. Come sa, su consiglio del suo collegio medico, da sabato mattina Marco Pannella e’ ricoverato in clinica dove pero’ ha deciso di proseguire la sua lotta nonviolenta perche’ non esistono le condizioni perche’ essa possa esser sospesa o convertita in altro. Ritengo una mancanza di rispetto verso il Suo ruolo il solo poterLe suggerire quali possano essere le condizioni che potrebbero vedere corrisposte le richieste di Pannella, come riterrei altrettanto offensivo, nei confronti di chi da una vita da’ corpo alla speranza di chi ancora ritiene che sia la forza della Legge il principio cardine della nostra Repubblica, che un segnale di pubblica o privata attenzione si circoscrivesse esclusivamente all’invito a desistere dalla lotta in corso. Pannella ha insegnato, in primis ai Radicali, ma anche a milionidi di individui di buona volonta’ in Italia e in tutto il mondo, che quando si ricerca la verita’, non quella colla “v” maiuscola, ma quella che e’ frutto di lotte storiche che hanno portato alla codificazione di diritti a livello internazionale, occorre fare quel che si deve perche’ accada quello che puo’. Ecco e’ nelle sue prerogative istituzionali, ma sicuramente non politiche – perche’ contrariamente a quanto possiamo apprezzare quotidianamente Ella non ne ha – poter far accadere qualcosa per cui si riconosca la patente flagranza criminale della nostra Repubblica e, ma non solo a parole, si adottino le necessarie misure per avviare una minimissima riduzione del danno recato alla vita del Diritto e quindi al diritto alla vita di chi si trova oggi a essere sul suolo italiano. Occorre una pubblica ammenda, occorre una pubblica riparazione, e occorrono urgentissimamente. La tanto da Pannella invocata amnistia e’ necessaria e urgente, non tanto per le carceri – che pur restano un luogo di morte e tortura quotidiane – quanto per le nostre istituzioni e per chi, a oggi, non si e’ voluto far carico di questo stato delle cose. Coi miei migliori auguri per i prossimi giorni,
sen. Marco Perduca co-vicepresidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito membro, Commissione giustizia segretario, Commissione speciale per la tutela dei diritti umani

262698_549198601774983_774193796_n

Read Full Post »